Category Archives: Senza categoria

31275694_1643870409044340_5130040299917148160_n

“Il Jazzista Imperfetto” Danilo Rea e Marco Videtta

La biografia di Danilo Rea.

La passione, fin da ragazzo. Gli esordi, con miti come Chet Baker e Lee Konitz. I grandi incontri, il lavoro fianco a fianco con Pino Daniele, Mina, Claudio Baglioni, Gino Paoli. L’improvvisazione come stile di vita. Danilo Rea condivide aneddoti e segreti di una vita e di una carriera „jazz”.

 

Presentazione:

 

6 Maggio: Feltrinelli di via Appia Nuova 425, ore 17:00

13 Maggio: Salone del Libro di Torino, Spazio Rai, ore 18:15

Rava - Rea

Enrico Rava e Danilo Rea in duo: Un nuovo progetto in collaborazione con MGM

IN COLLABORAZIONE CON MGM PRODUZIONI MUSICALI

Enrico Rava e Danilo Rea duo

Enrico Rava – tromba

Danilo Rea – piano

 

 

Incontro in musica  ad altissimi vertici quello tra Enrico Rava e Danilo Rea.

Nel corso degli anni avevano già collaborato  in diverse occasioni, sia in duo che in gruppo  e indimenticabile   rimane un tour europeo con “ Complete  Reunion” , un gruppo che comprendeva  Gato Barbieri, Ben Street e Clarence Penn, oltre  ovviamente ai nostri due eroi.

Recentemente Enrico e Danilo si sono incrociati all’aeroporto di Londra e nell’attesa di prendere il volo per Roma, chiacchierando del più e del meno, hanno deciso di dare vita ad un nuovo sodalizio con un repertorio che tenesse conto di quelli resi celebri di Chet, di Miles, di Joao.

Eccoci pronti  ad ascoltare  brani  indimenticabili nella interpretazione raffinata, intensa  e mai banale di due maestri del jazz.

 

DANILO REA

Nato a Vicenza quasi per caso, Danilo Rea è romano, ma non d’adozione. È romano perché la sua storia in musica nasce a Roma, tra le pareti di casa sua, dove l’incanto per i vecchi vinili di Modugno è più forte, già da piccolissimo, di qualsiasi divertimento: il vero gioco è suonare il piano, il vero incanto è la musica, il vero sogno è la melodia, il vero abbandono è nell’armonia. E la passione diventa studio al Conservatorio di Santa Cecilia, dove si diploma in pianoforte con il massimo dei voti e dove attualmente insegna nella cattedra di jazz.

Studi classici, rock e pop influenzano la sua formazione e convergono attraverso il jazz, la sua vera passione, in uno stile inconfondibile e unico composto di due ingredienti fondamentali: melodia e improvvisazione.

Appena maggiorenne esordisce con lo storico Trio di Roma con Enzo Pietropaoli e Roberto Gatto; parallelamente accompagna come pianista i più importanti cantautori italiani: Mina lo vuole prima ancora di Gino Paoli, ed entrambi gli restano fedeli negli anni, fino a oggi. Intanto collabora con Claudio Baglioni, Pino Daniele, Domenico Modugno, Fiorella Mannoia, Riccardo Cocciante, Renato Zero, Gianni Morandi e Adriano Celentano.

Il suo talento lo porta ben presto ad affermarsi anche sulla scena internazionale e a suonare al fianco dei più grandi nomi del jazz come Chet Baker, Lee Konitz, Steve Grossman, Bob Berg, Phil Woods, Michael Brecker, Tony Oxley, Joe Lovano, Gato Barbieri, Aldo Romano, Brad Mehldau, Danilo Pérez, Michel Camilo, Luis Bacalov.

Nel 1997, con Enzo Pietropaoli e Fabrizio Sferra, fonda “Doctor 3”, il trio che per tre anni riceve il premio della critica come miglior gruppo jazz, e che per più di dieci anni lo porta a calcare i più importanti palcoscenici italiani e all’estero con esibizioni in Europa, Stati Uniti, Sudamerica e Cina.

A partire dal 2000 Danilo Rea trova nella dimensione in piano solo il momento ideale per dare forma al proprio universo espressivo e al suo talento naturale per l’improvvisazione: le idee che convergono nelle performance sono delle più varie, dai capisaldi del jazz, passando per le canzoni italiane, fino alle arie d’opera.

Il suo primo lavoro da solista è “Lost in Europe” (2000) composto durante un tour in Europa; nel 2003 pubblica “Lirico”, in cui miscela lirica e jazz improvvisando sui temi operistici mettendone in luce la grande attualità. L’intenso rapporto con la musica classica, che prosegue tuttora, lo porta ad aprire il Festival di musica lirica internazionale “Festival del bel canto” con il concerto “Belcanto Improvisations”.
Seguono “Solo” (2006) e “Introverso” (2008), album in cui Rea si cimenta con composizioni inedite di piano solo, fino ad arrivare al pluripremiato “A Tribute to Fabrizio de André”, omaggio al grande cantautore e poeta italiano, inciso per la prestigiosa etichetta tedesca ACT nel 2010.

Ma sono i suoi concerti di piano solo, con le sue improvvisazioni che spaziano su qualsiasi repertorio, a conquistare le platee di tutto il mondo: oltre a essere il primo jazzista ad avere un concerto di piano solo alla sala Santa Cecilia dell’Auditorium Parco della Musica (nel 2003), nel 2006 è protagonista di un memorabile concerto al Guggenheim Museum di New York.

Successivamente, con “Concerto per Peggy”, in occasione del 60° anniversario della Collezione Peggy Guggenheim a Venezia, rende omaggio a Peggy Guggenheim con un recital pianistico che attraversa e celebra la musica classica americana della prima metà del secolo scorso. Nel 2009 si esibisce al Teatro la Fenice di Venezia e chiude la 68° stagione della Camerata Musicale Barese con un concerto al Teatro Petruzzelli.

Tra le sue collaborazioni più recenti, i lavori con Gino Paoli: già compagni di avventura nel progetto “Un incontro in Jazz”, il sodalizio artistico prosegue con l’album e il progetto live “Due come noi che…” (2012) e “Napoli con Amore” (2013).

Nel 2014 Danilo firma le musiche per il film “Quando c’era Berlinguer” e nel 2015 quelle per “I bambini sanno”, entrambi per la regia di Walter Veltroni; nell’estate dello stesso anno viene presentato in anteprima mondiale a Umbria Jazz “…IN BACH?”, il progetto live a quattro mani con Ramin Bahrami, omaggio all’imponente eredità musicale di Johann Sebastian Bach.

Il 16 ottobre 2015 esce “Something in our way” (Warner Music Italy), nuovo disco in piano solo ispirato all’indimenticabile repertorio dei Beatles e dei Rolling Stones.

Nel 2016 per la collana Jazz Italiano Live 2016 ancora un uovo disco di piano solo dal titolo Notturno

Nel 2017 esce il terzo disco con Gino Paoli dedicato alla musica d’autore francese.

MERCURIO MANAGEMENT IN COLLABORAZIONE CON MGM PRODUZIONI MUSICALI

 

Responsabile Booking Mercurio Management
Katia Forgione
Tel.: +39 3921686259
Email: booking@mercuriomanagement.it
Sito: www.staylive.it

 

Management Mercurio Management
Aldo Mercurio
Tel.: +39 3356361504
Email: management@mercuriomanagement.it

FullSizeRender 2

Sanremo 2018: Sergio Cammariere duetta con Nina Zilli in “Senza Appartenere”

Sanremo 2018: Sergio Cammariere duetta con Nina Zilli in “Senza Appartenere”

 

Nina Zilli e il duetto con Sergio Cammariere: “Senza appartenere” con il pianoforte protagonista, una scelta vincente. La cantante, ha fatto coppia con il vincitore della kermesse sonora dell’edizione del 2003 con “Tutto quello che un uomo” e il mix è stato decisamente interessante: il soul e la grinta di Nina Zilli con l’eleganza e la delicatezza di Sergio Cammariere.

 

FONTE: Il Sussidiario http://www.ilsussidiario.net/News/Cinema-Televisione-e-Media/2018/2/9/NINA-ZILLI-DUETTO-CON-SERGIO-CAMMARIERE-Senza-appartenere-delicatezza-e-sensibilita-Sanremo-2018-/805815/

 

Per rivivere le emozioni della performance: http://www.raiplay.it/video/2018/02/Sanremo-2018-Nina-Zilli-Sergio-Cammariere-Senza-appartenere-888b1761-d027-479a-bde2-5eddcf652952.html

IMG_1795

Sanremo 2018: Gino Paoli e Danilo Rea ospiti di Claudio Baglioni

 

 

Sanremo 2018: Gino Paoli e Danilo Rea ospiti di Claudio Baglioni

 

Sul palco dell’Ariston, tra gli ospiti della serata dell’ 8 Febbraio, Gino Paoli e Danilo Rea si sono esibiti insieme al Direttore Artistico di Sanremo 2018, Claudio Baglioni, per un omaggio a Fabrizio De Andrè e Umberto Bindi.

Fonte: Fanpage

“Gino Paoli è uno dei super ospiti della terza serata del Festival di Sanremo 2018. Insieme a Danilo Rea ha reso omaggio a due grandi della musica italiana: Umberto Bindi, cantautore e pianista scomparso nel 2002, e l’indimenticato Fabrizio de André (“Canzone dell’amor perduto”). Insieme, facevano tutti parte della cosiddetta scuola genovese, un nucleo di artisti, che intorno alla metà del secolo scorso rinnovò profondamente la musica leggera italiana. Per questo, sul palco dell’Ariston si sono esibiti prima con “Il nostro concerto” di Bindi, canzone del 1960 molto cara anche a Baglioni, e poi con uno dei brani più famosi di De André, “La canzone dell’amor perduto”. La celebrazione della grande canzone d’autore si conferma così uno dei fili conduttori di questa edizione della kermesse.”

continua su: https://music.fanpage.it/sanremo-2018-gino-paoli-e-danilo-rea-rendono-omaggio-a-umberto-bindi-e-fabrizio-de-andre/
http://music.fanpage.it/

Per rivedere la commovente performance: http://www.raiplay.it/video/2018/02/Sanremo-2018-Gino-Paoli–Danilo-Rea–Claudio-Baglioni-omaggio-a-Umberto-Bindi-Fabrizio-De-Andre-bda34784-aa55-4c1b-94b5-ccbf3e28bb1b.html

Gino Paoli e Danilo Re 3

“3” – il Nuovo album di Gino Paoli e Danilo Rea per la Parco della Musica Records

GINO PAOLI E DANILO REA

“3”

Il nuovo disco della Parco della Musica Records

(15 Settembre 2017)

 

“3” è il nuovo capitolo in musica di Gino Paoli e Danilo Rea per la “Parco della Musica Records”, prodotto da Aldo Mercurio, che chiude la felice avventura discografica di un duo sorprendente e capace di incantare intere generazioni. Un disco dedicato alla canzone francese che verrà presentato dal vivo in prima assoluta nella Sala Santa Cecilia il prossimo 15 dicembre. L’album arriva annunciato dal successo dei precedenti “Due come noi che…” (2012) e “Napoli con amore” (2013). In questo lavoro, dopo il “songbook” americano e il canzoniere napoletano, i due musicisti decidono di affrontare un’altra grande passione condivisa, quella per il repertorio della chanson française, con la loro versione di brani di autori immortali della musica di tutti i tempi come Charles Trenet, Jacques Brel, Gilbert Bécaud, Serge Gainsbourg, Léo Ferré.

“3” è il terzo album del fortunato duo che si era incontrato nel 2011 per dare vita a “Un incontro in jazz” (2011). La perfetta alchimia musicale e l’intesa che fanno dei due artisti una “coppia di fatto” della musica italiana, come amano definirsi loro, insieme alla continua voglia di sperimentare e mettersi in gioco, ha dato vita a questa trilogia e a una lunga serie di concerti che collezionano ovunque sold out. E sicuramente non mancheranno di sorprendere anche per il futuro.

La tracklist completa:  1. La complainte de la butte; 2. La mer; 3. Quand tu dors près de moi; 4. Ne me quitte pas; 5. Les feuilles mortes; 6. Le déserteur; 7. Marie Marie; 8. Avec les temps; 9. Que reste-t-il de nos amour; 10. Ballade à Sylvie; 11. La chanson de Prévert; 12. Une belle histoire; 13. Non andare via; 14. Col tempo

GINO PAOLI: uno dei cantautori che ha scritto alcune tra le più belle pagine della musica italiana. Attualmente sta lavorando a un nuovo disco di inediti. L’autore di “Senza fine”, “Sapore di sale”, “La gatta”. Originario di Monfalcone, è a Genova, dove si è trasferito da bambino, che Gino Paoli – dopo aver fatto il facchino, il grafico pubblicitario e il pittore – debutta come cantante da balera, per poi formare un band musicale con gli amici Luigi Tenco e Bruno Lauzi. Quando la gloriosa casa discografica Ricordi, che aveva tenuto a battesimo Bellini e Donizetti, Verdi e Puccini, decise di estendere la propria attività alla musica leggera, scritturò questo cantante dalla strana voce miagolante oggi riconosciuto come uno dei massimi esponenti della canzone d’autore, dagli anni sessanta a oggi. Ha scritto e interpretato brani quali “Il cielo in una stanza”, “La gatta”, “Senza fine”, “Sapore di sale”, “Una lunga storia d’amore”, “Quattro amici”; ha partecipato a numerose edizioni del Festival di Sanremo; ha collaborato con numerosi colleghi alla realizzazione di album e di singoli di successo; ha composto musiche per colonne sonore di film.

 

Danilo Rea riesce ad attirare l’attenzione degli ascoltatori soprattutto grazie alla grande versatilità e all’apertura musicale. Dopo gli studi di pianoforte classico al Conservatorio di Santa Cecilia a Roma e l’esperienza come musicista nel mondo del progressive rock, Danilo debutta nel mondo del jazz con il “Trio di Roma” nel 1975, raggiungendo la notorietà internazionale. La sua musica è ricca di sorprendenti momenti di improvvisazione di grande lirismo che gli sono valsi l’accostamento al grande Keith Jarrett. Tuttavia, a differenza della star americana, Rea trae la propria ispirazione dalla tradizione musicale della sua terra di origine, dai classici e dal pop italiano, piuttosto che dal “Great American Songbook”. E quindi non sorprende che in Italia sia considerato come il grande poeta tra i musicisti di jazz e che sia diventato famoso suonando con molti cantautori e cantanti italiani e collaborando con alcuni tra i più grandi jazzisti statunitensi come Chet Baker, Lee Konitz, John Scofield, Joe Lovano. Nel 2006 è stato protagonista di un concerto indimenticabile al Guggenheim Museum di New York. Successivamente con “Concerto per Peggy”, in occasione del 60° anniversario della Collezione Peggy Guggenheim a Venezia, ha omaggiato la celebre collezionista con un recital pianistico che commemora e attraversa la musica classica americana della prima metà del secolo scorso.  A ottobre 2015 ha pubblicato “Something in our way” (Warner Music Italy), lavoro discografico in piano solo dedicato alle pagine più belle del repertorio musicale dei Beatles e dei Rolling Stones. Recente la collaborazione con Ramin Bahrami con cui ha dato vita ai progetti “In Bach?” e “Bach is in the air, il jazz incontra la classica”.

 

Responsabile Booking

Katia Forgione booking@mercuriomanagement.it

Info 06-80241281

Ufficio stampa Gino Paoli e Danilo Rea:

Letizia D’Amato srl

info@letiziadamato.com – 0639754352

www.auditorium.com

Ufficio stampa Musica per Roma tel. 06-80241203 – 228

ufficiostampa@musicaperroma.it

6716

BACH IS IN THE AIR – RAMIN BAHRAMI E DANILO REA: negli stores dal 1 Giugno

 

BACH IS IN THE AIR – RAMIN BAHRAMI E DANILO REA

DECCA – UNIVERSAL CLASSICS & JAZZ

negli stores dal 1 Giugno 2017

Mercoledì 31 maggio, alla Mondadori Duomo di Milano, Ramin Bahrami e Danilo Rea presentano l’album Bach is in the Air. Chi acquista il cd Bach is in the Air presso il Mondadori Megastore, riceve il pass per il firmacopie con Ramin Bahrami e Danilo Rea, che si tiene al termine della presentazione. L’accesso all’evento, moderato da Angelo Crespi, è libero salvo disponibilità dei posti in sala.

Bach is in the air nasce da un piccolo miracolo, ed è Danilo Rea, pianista improvvisatore, con alle spalle un passato di studi classici, che intuisce ancor prima che questo miracolo accada, la genialità di poterlo realizzare. Ma la cosa più incredibile è che per la prima volta nella storia della musica, attraverso l’improvvisazione, Danilo rivoluziona e crea un intreccio insolubile con le versioni originali di Bach-Bahrami, in linguaggio jazzistico il suo messaggio universale. Un progetto che rappresenta un unicum, verrebbe da dire inimitabile: la specializzazione di Bahrami insieme all’estro e alla fantasia, mai fini a se stessi, di Rea. Una rivisitazione che non intende certo tradirne il messaggio – Bach sa difendersi da solo-, ma semmai di coglierne lo spirito contemporaneo e gettare un ponte verso orecchie abituate diversamente, che negli intendimenti del duo servirà solo a dare ulteriore diffusione a questo gigante, che a tre secoli di distanza mantiene tutta la sua attualità.

Milano –Sì, Bach è in fondo già tutto lì, in quell’aria che apre e chiude il più bel ciclo di variazioni per tastiera mai scritto, gemma fra le gemme del compositore da cui tutto sembra nascere. Un ciclo sublime, etereo, che parte da un’esigenza molto pratica e quotidiana: il desiderio di riposare, di ritrovare il sonno e la pace. Problema che il grande Bach poteva ben capire, visto il suo lavoro costante e indefesso, ma anche il suo amore per la vita in tutti i suoi aspetti: l’arte, certo, ma anche la famiglia, l’amore, il divertimento, il mangiare, il bere e naturalmente anche il dormire. Il sublime di Bach nasce dal quotidiano, è trasfigurazione della bellezza del mistero più complesso e grande di ogni cosa: la vita.

 

IL DISCO è GIà DISPONIBILE IN STREAMING: LINK

UNIVERSAL MUSIC WEBSITE: LINK

RAMIN BAHRAMI E DANILO REA CI RACCONTANO DEL DISCO: VIDEO

BOOKING & MANAGEMENT

Management
Aldo Mercurio
Tel.: +39 3356361504
Email: management@mercuriomanagement.it

 

Responsabile Booking
Katia Forgione
Tel.: +39 3921686259
Email: booking@mercuriomanagement.it
Sito: www.staylive.it

AR_MG_2633-800x533

2016/2017 un periodo ricco di riconoscimenti e premi per Danilo Rea: uno dei più grandi pianisti italiani di fama internazionale.

DANILO REA: AGGIORNAMENTI

Il 3 Novembre 2016 gli viene consegnato il prestigioso Premio Vittorio De Sica per la Musica, un riconoscimento che viene conferito a personalità di rilievo nel campo del cinema e delle altre arti, della cultura, delle scienze e della società per il complesso della loro carriera, o per meriti rilevati nel corso dell’anno.

Il 1 Dicembre 2016, a seguito del successo ottenuto dal tour di Umbria Jazz in Cina, gli viene conferito il Leone D’Oro, assegnato a personalità del mondo della cultura, dello sport e dello spettacolo che si sono distinte nelle relazioni con la Cina, in occasione dei China Awards 2016 evento organizzato dalla Fondazione Italia Cina e da MF/ Milano Finanza con il patrocinio del Ministero degli Affari Esteri, del Ministero dello Sviluppo Economico, del Ministero dell’Ambiente e della Camera di Commercio Italo Cinese, la partnership della Camera di Commercio Italiana in Cina.

 Il 4 Marzo 2017, presso l’Aula Magna di Palazzo Pietro Tiravanti, l’Accademia di Belle Arti di Frosinone, alla presenza del Direttore Generale del MIUR, gli conferisce il Diploma Accademico di Secondo Livello Honoris Causa in Nuove Tecnologie dell’Arte per il profondo impegno profuso nel diffondere l’arte della musica.

Si susseguono i riconoscimenti e le gratifiche formali per Danilo Rea, che si conferma come uno dei più grandi pianisti italiani di fama internazionale, con un’ intensa e lunga carriera artistica, ricca di esperienze e profondamente variegata nel suo percorso, al pari della sua musica, paragonabile ad un viaggio multidisciplinare che con eccellente disinvoltura percorre pagine di musica classica, di lirica, jazz, rock, quelle dei grandi cantautori o spesso di tutto questo nel medesimo momento, afferrando con vivace creatività ed in maniera sempre diversa il sottile fil rouge che  accomuna tutti questi universi musicali, senza snaturarsi mai, restando ben fermo su una propria personale cifra stilistica, con efficacia comunicativa tesa verso la massima espressione di tutto ciò  che è puramente, infine, emozione.

Proseguiranno quindi le novità riguardo i suoi progetti e che andranno ad arricchire la programmazione degli eventi primavera/estate già fitta di impegni, tra i live in piano solo, quelli con l’amico Peppe Servillo, il disco in uscita con Ramin Bahrami a due pianoforti dedicato a Bach e quello con l’immenso Gino Paoli che suggella la loro felice e lunga collaborazione con un terzo album e si unisce al progetto live con Sergio Cammariere, sulla canzone d’autore, in giro per l’Italia.

Per costanti aggiornamenti sul calendario:

http://mercuriomanagement.it/calendario/

Per informazioni e concerti

mercuriomanagement.it

 

Management
Aldo Mercurio
Tel.: +39 3356361504
Email: management@mercuriomanagement.it

 

Responsabile Booking
Katia Forgione
Tel.: +39 3921686259
Email: booking@mercuriomanagement.it
Sito: www.staylive.it

15622686_1170015916429794_6637179745063340079_n

Standing ovation e grande seguito per l’evento in mondovisione, ‘Avrai’, in diretta dal Vaticano

 

‘Avrai’, standing ovation per Baglioni in Vaticano:

“Giovanni Baglioni, virtuoso chitarrista, è uno degli ospiti più applauditi della serata, come pure il grande pianista jazz Danilo Rea.”

( Articolo Ansa http://goo.gl/EIub7T)

Per chi sabato se lo fosse perso, è possibile rivedere “Avrai” collegandosi al sito di Rai Replay: https://goo.gl/tVgZDA

“Già tagliato il primo traguardo di 500.000 euro. È’ possibile continuare a donare attraverso una chiamata o un sms al numero 45523, attivo fino al 21 Dicembre”

Danilo Rea cut 3

Danilo Rea ospite di Baglioni in Vaticano nel concerto ‘Avrai’, messaggio per il Papa in diretta su Rai 1 il 17 Dicembre

Baglioni, messaggio del Papa per concerto ‘Avrai’

In Vaticano in Sala Nervi e in diretta su Rai1 – 20:30

 

Un messaggio di Papa Francesco sarà letto sabato 17 dicembre, nel giorno del suo 80/o compleanno, nel corso del concerto-evento ‘Avrai’ di Claudio Baglioni, in Vaticano, nell’aula Paolo VI, in diretta in prima serata su Rai1. Ad annunciarlo è il cantautore, nel corso di una conferenza stampa a Roma.

Per la speciale occasione Baglioni ha voluto con sè anche il suo unico figlio, Giovanni, virtuoso della chitarra, che sarà uno degli ospiti, come pure il pianista jazz Danilo Rea.

Le parole di papa Francesco saranno al centro della serata anche attraverso le letture di alcuni attori che interpreteranno alcuni passaggi dei suoi discorsi e delle encicliche. Si tratta di Gigi Proietti, Laura Morante, Isabella Ferrari, Beppe Fiorello, Giorgio Pasotti, Nicoletta Romanoff, Alessandro Preziosi, Donatella Finocchiaro e Vinicio Marchioni.

Nel corso dell’incontro con i giornalisti Baglioni ha rivelato di essere reduce da una laringite fulminante che, nelle ultime tre settimane non gli ha consentito quasi neanche di parlare. “Avevo pensato di rimediare con un concerto strumentale ma poi, per fortuna – ha concluso sorridendo – la voce mi è tornata”.
FONTE: Ansa.it

ph: Beniamino Girotti

Danilo piccola

1 Dicembre 2016: Danilo Rea riceve ancora un altro premio, questa volta è il Leone D’oro per i China Awards

 

China Awards

 

 

I Leoni d’Oro a Carlo Verdone, premiato al Festival di Xi’An, a Ciro Ferrara, ex juventino, allenatore di una squadra cinese e al pianista Danilo Rea. Charity dinner a favore delle vittime del sisma del Centro Italia

 

 

 

Nella categoria Capital Elite hanno vinto Alibaba Italy , Brembo e Fabbri. I leoni d’oro invece a Carlo Verdone, che si è appena aggiudicato il premio come miglior attore per ‘L’abbiamo fatta grossa’ al Festival di Xi’an e Ciro Ferrara, ex giocatore della Juve, diventato di recente allenatore della squadra cinese Wuhan Zal, Danilo Rea, pianista jazz noto a livello internazionale. Trentadue in tutto i premiati in cinque categorie, tra cui 23 società italiane, 5 cinesi.

L’evento è stato organizzato dalla Fondazione Italia Cina e da MF/ Milano Finanza con il patrocinio del Ministero degli Affari Esteri, del Ministero dello Sviluppo Economico, del Ministero dell’Ambiente e della Camera di Commercio Italo Cinese, la partnership della Camera di Commercio Italiana in Cina. Durante la serata sono state premiate le realtà italiane e cinesi che meglio hanno saputo cogliere le opportunità presentate dai due mercati, dando così visibilità a diversi casi di successo non sempre conosciuti dal grande pubblico. Creatori di Valore, Top Investors in China, Top Investors in Italy, Capital Elite sono le categorie di riconoscimenti che sono state assegnate ieri sera a 28 importanti aziende italiane e cinesi (lista premiati e categorie premi in allegato).

Il Leone d’Oro, assegnato a personalità del mondo della cultura, dello sport e dello spettacolo che si sono distinte nelle relazioni con la Cina, è stato consegnato oltre che a Verdone e Ferrara anche al pianista jazz Danilo Rea e al regista Sergio Basso. In seguito alla consegna dei China Awards 2016, è stato organizzato un Charity Dinner, i cui proventi saranno devoluti a sostegno delle popolazioni colpite dal terremoto nel Centro Italia. Tre i progetti selezionati: il sostegno all’associazione Psy + Onlus, composta da volontari che offrono sostegno psicologico alle vittime del sisma, l’acquisto di materiali didattici per due istituti scolastici a Norcia e Cascia (Pg), un contributo alla ricostruzione di una residenza per anziani a Castelsantangelo sul Nera (Mc). Presenti alla serata i rappresentanti delle realtà coinvolte per raccontare la situazione sul loro territorio.